Citazione capitolo 13

Ebbi una fitta al petto. Quella foto era l’unica risposta che mi serviva. Contro la mia volntà mi stavo innamorando di Thomas, ma lui amava ancora Camille. Anche se due persone come noi, ossessionate dal lavoro, fossero riuscite a far funzionare una relazione, restava il problema dell’amore non corrisposto. Al momento era un problema di Thomas ma, se avessi provato sentimenti più profondi per lui, avrebbe riguardato anche me.

Restavo convinta che non si potessero amare due persone contemporaneamente. “Se Thomas ama ancora Camille, che cosa vuol dire  questo per me?” Nella mia testa scattò un allarme, tanto forte e insistente che non riuscii quasi più a pensare. Quei sentimenti per Thomas, l’agente Maddox, il mio capo, dovevano finire subito. Guardai ildivano quasi temendo che un giorno lo avrei supplicato di ricambiare il mio amore: mi sarei presentata ubriaca e sconvolta alla sua porta per poi svenire su quei cuscini, come aveva fatto Jackson a casa mia.

[…]

<<C’è solo una ragione per cui potrei non concentrarmi alla riunione, e non è il sonno.>>

<<Illuminami.>>

<<Passeremo gran parte del fine settimana insieme e devo convincere mio fratello a fare qualcosa che non vuole. Domenica è importante, Liis, e al momento tu sei la principale distrazione nella mia vita.>>

arrossii ringraziando tra me che le luci fossero spente. <<Allora cercherò di non esserlo.>>

<<Non credo che tu possa far a meno di esserlo più di quanto io non possa fare a meno di pensare a te.>>

<<Adesso capisco perché hai detto che essere amici sarebbe stata una pessima idea.>>

Annuì. <<L’ho detto tre settimane fa, Liis. La situazione è cambiata.>>

<<Non proprio.>>

<<Ora siamo più che amici, e lo sai.>>

Guardai la foto di Thomas e Camille e la indicai. <<E’ lei quello che mi fa paura, e non svanirà un giorno all’altro.>>

Thomas si avvicinò e la capovolse.

Le parole che avrei voluto dire mi si bloccarono in gola.

Fece un passo verso di me.

Mi allontanai dallo stipite e allungai una mano. <<Abbiamo un lavoro da fare. Pensiamo a quello.>>

<<Buonanotte>>, disse senza riuscire a nascondere la delusione.

(Un indimenticabile disastro – Jamie McGuire)

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s